Feltrosa 2010

Feltrosa 2010 - Report

feltrosa 2010 boraleviOtto tutor, sei corsi post conferenza, l'inaugurazione di una grande mostra d'arte in feltro, dimostrazioni, visite, oltre cento persone giunte da ogni parte del mondo: Feltrosa 2010 è stata un evento articolato e complesso.

Importanti anche i partners: International Feltmakers Association e la Fondazione Museo del Tessuto di Prato, i primi hanno tenuto la loro assemblea annuale durante la conferenza, il Museo ha ospitato la mostra The Climate is Changing, due dei laboratori pratici ed una giornata di dimostrazioni e mostra mercato nell'ampio spiazzo esterno.

Tutto è iniziato con un tour nel centro di Firenze alla scoperta di collezioni tessili. Il museo di Santa Maria Novella ospita una bella collezione di parati liturgici dei secoli XVI-XVIII. Seconda tappa la Galleria del Costume, dove era esposta una bella mostra d'abiti Moda, Analogie e Dissonanze. Tappa successiva la Galleria di Alberto Boralevi, il massimo esperto di tappeti e tessuti tribali in Italia. Ci aspettava con un allestimento pensato appositamente per noi: tre pezzi rari fra i quali spiccavano un tappeto cinese del XVII secolo ed un coprisella turco (foto in alto). Abbiamo concluso al caffé Volume nella vicina Piazza Santo Spirito, dove ci siamo dissetati in presenza delle vecchie forme per cappelli e di quello che fu il laboratorio dei Fratelli Bini.

Il giorno dopo, a Prato, sono iniziate a confluire le iscritte e nel primo pomeriggio è partito il pullman alla volta della valle del Bisenzio, in una visita curata dalla Associazione per lo Studio e la Valorizzazione dell'Archeologia Industriale Pratese.

Nel frattempo, al Museo si intervistavano le artiste i cui lavori erano stati selezionati per la mostra che, come da programma è stata inaugurata alle 18,30. Moltissime le persone intervenute al vernissage che si sono trattenute per un concerto pianistico curato da Comune di Prato.

Il giorno successivo era il grande giorno, quello dei laboratori pratici. Al Teatro Magnolfi se ne tenevano sei, in ogni spazio disponibile: Inge BauerHeidi GrebJenny MacKay, ed Annette Quentin Stoll erano al piano superiore, Barbara Girardi e Judith Pocs al piano terreno.  Nell'ampio corridoio d'ingresso erano allestiti i tavoli dei venditori di lana: Gaia Gaultieri di DHG Gruppo Colle, Franz Haller per la ditta Spinnradl, Gigi Mosca e Marion Kasmayr in rappersentanza della casa editrice Maro Verlag con i materiali dell'azienda tedesca Wollknoll.

feltrosa 2010 lab copricapi feltrosa 2010 lab elastic s feltrosa 2010 lab lana greg
E' stata una giornata febbrile, e pur spostandosi su e giù per gli ampi spazi e recandoci al Museo del Tessuto per seguire i due laboratori tenuti da Danila Shoen e Jeanette Sendler siamo riusciti a documentarla solo in parte.


Alla sera ci siamo ritrovate per una cena di gala presso la storica Villa Il Mulinaccio, a Vaiano. Il sindaco in persona ci ha guidate in una rapida visita a questa importante villa medicea.

Alla domenica siamo stati al Museo del Tessuto, dove, nell'ampia corte esterna è stato allestita una mostra mercato. Oltre ai materiali per il feltro ci sono stati dei minicorsi curati da Ruth Baumer per conto del gruppo DHG ed una serie di dimostrazioni, da parte di Ann Ross, Jenny Lees, Chris Lines, Lynn Ramsbottom, Debbie Lucas, Lyn Jenkins e Mandy Nash, della IFA, tutte molto interessanti e seguite. Il Coordinamento Tessitori, organizzatore dell'evento, aveva un suo tavolino. Molte delle feltraie convenute alla conferenza avevano a loro volta allestito un tavolo con i propri lavori. E' stata una vera festa del feltro, offerta alla cittadinanza. Le previsioni meteo, che indicavano pioggia sono state disattese, con nostra grande gioia, dopo che avevamo trascorso una giornata scrutando il cielo con ansia!

I tre giorni successivi ci ha visti di nuovo impegnati nel lavoro pratico: cinque i corsi post-conferenza in programma, curati da Inge Bauer, Heidi Greb, Jenny MacKay, Judith Pocs, Annette Quentin Stoll e Jeanette Sendler.
Dopo il lavoro, faticoso ed intenso come sempre, la comunità internazionale si incontrava nel centro cittadino nelle tante ed ospitali trattorie di piazza Mercatale.
Prato è stata una vera scoperta: una città accogliente, piena di attrazioni turistiche da conoscere ed apprezzare.


 

Feltrosa 2010 Feltrosa 2010 Feltrosa 2010 Feltrosa 2010 Feltrosa 2010 Feltrosa 2010 Feltrosa 2010 Feltrosa 2010 Feltrosa 2010 Feltrosa 2010


/